Archive for giugno 2005

Fiolo telematico

Gli dico:

"Vai su questo sito: vu vu vu punto galumpia punto co punto uk slash adult slash adult underscore due punto accatiemme cancelletto"

Lui esegue, mi dice che non trova niente, glielo rileggo due volte, me lo rilegge lui e non ne veniamo a capo.

Vado a vedere cosa c’è che non va sul suo monitor, e, nella banda indirizzi trovo scritto:

http://www.galumpia.co.uk/adult/adultunderscore2.htm#

Amministra milioni di euro, è uno stimato professionista della nostra banca e non ha mai sentito la parola underscore.

O tempora, o mores!

Annunci

Genova Social Mazzate

Inguaribile seduttore si appiccica a giornalista d’assalto a Genova durante i giorni del Social Forum e accetta di sfilare nel corteo pacifista per il giorno successivo.

"Anche se non lo davo a vedere ero piuttosto recalcitrante per via della quasi certezza che ci sarebbe stato da prendere delle botte. In ogni caso Martina mi disse che aveva parlato con Agnoletto che le aveva assicurato che tutto sarebbe filato liscio e che quel giorno non ci sarebbero sati assolutamente scontri. […]

Alle undici presi la prima manganellata, alle undici e dieci la seconda, alle dodici tentai di prendere a manganellate Agnoletto ma non ci riuscii perché si era nascosto dietro al servizio d’ordine. Nella gran confusione persi di vista Martina, anche perché, per evitare di prendere ancora manganellate e starmene un po’ tranquillo, mi unii ai black blok, mentre lei restò con i pacifisti a scattare foto e  farsi massacrare."

Lorenzo Licalzi, "Il privilegio di essere un guru"

Riflessioni sul tempo

Riflettevo stamane, una volta tanto seriamente, sull’inesorabilità del tempo che scorre, il paradigma di ciò che è regolare ed insieme la più opinabile delle misure. Infatti per noi tutti il tempo che misuriamo in minuti scorre a ventate in alcuni momenti e sembra cristallizzarsi in altri. Mi chiedevo se dominare questo ritmo equivalga alla vera libertà, o se al contrario occorra sottomettercisi per sentirsi davvero padroni di noi stessi.

Il Direttore Generale della banca, invece, sosteneva che la riunione era per le nove e mezza e quindi ero in ritardo di venti minuti.

Meglio di Jack Blues

La poliziotta sta per fare contravvenzione ad un’auto con rimorchio, sul quale c’è una barca, parcheggiata in zona lavaggio strade, la proprietaria si avvicina e:

"La barca è sua?"

"Eh, sì, tecnicamente sì, lo è, certo, non dovevo parcheggiarla qui, mi dispiace, ma, vede, è un dono dell’organizzazione nautica per la pace, dell’abbassamento di zucchero nel sangue, dei bambini, visto che ci è stata consegnata prima è rimasta qui nell’attesa di essere portata via da chi di dovere, io, io la volevo spostare ma c’era un gattino su un albero che aveva freddo, io volevo prendere un tovagliolo…"

"La sposti quando puliscono la strada, ok?"

La fonte però stavolta non la cito, mi vergogno troppo… e chi lo sa non parlerà, CAPITO? (Ok, è un telefilm)

Guys

" Non voglio star qui a difendere i maschietti. Sto solo dicendo che molti di noi hanno sviluppato una fortissima fobia da bucato, e continueranno a soffrirne finché le donne continueranno a strabuzzare gli occhi e a spingerci via dalla lavatrice quando stiamo, per esempio, per mettere a lavare le loro camicie di seta insieme alla cerata da barca. Questo è anche vero per gli altri principali settori domestici, come pulire, cucinare, oppure ricordarsi dove abbiamo lasciato di preciso i bambini. Sì, noi maschietti abbiamo dei problemi in questo tipo di cose, ma non è colpa nostra. Qui stiamo parlando di natura.

E’ un po’ come con i vermi solitari. I vermi solitari tendono a non avere un’immagine pubblica positiva, perché sono degli organismi schifosi che entrano nell’intestino della gente e mangiano il cibo della gente e crescono fino a lunghezze di venti centimetri e hanno milioni di schifosissimi piccoli. Ma è colpa loro? No! E’ la loro natura! E i maschietti non sono diversi! I maschietti sono esattamente come i vermi solitari, eccetto che è molto meno probabile che vi diano una mano con i piatti sporchi.

Questo è il motivo per cui chiedo a voi donne di essere più comprensive, per favore. Quando guardate il maschietto della vostra vita, sdraiato sul divano, che rutta sporadicamente in direzione di una partita di calcio, nonostante gli abbiate chiesto quattordici volte di portare fuori la spazzatura, non pensate in maniera troppo sdegnosa e severa. Pensate, invece, a due parole che vi ricordino il problema così profondamente radicato di cui, nel profondo, egli sta cercando di liberarsi; due parole che vi aiuteranno, in piccola misura, a sentire il suo dolore. Queste parole sono ovviamente "parassita intestinale".

Donne, con il vostro aiuto e la vostra comprensione, noi maschietti possiamo fare di meglio. E faremo di meglio. Ci libereremo, passo dopo passo, dei nostri handicap naturali, e ci eleveremo per essere all’altezza dei vostri standard di comportamento individuale. Non accadrà domani, o dopodomani, forse neanche dopo dopodomani, non necessariamente prima che la terra collassi nel sole. Ma succederà, perché noi maschietti siamo veramente stanchi di non essere all’altezza delle vostre aspettative e inizieremo serenamente a cercare di cambiare. Ma non prima che sia finito il campionato."

Dave Barry "I bambinoni" (titolo originale: "a complete guide to guys")

NdR: mi sono preso la libertà di ri-tradurre "guys" in "maschietti" invece che "bambinoni".

Grazie a Faffo per avermi rivelato questa sacra scrittura.

 

Furto

Stamattina scendo in strada dove parcheggio sempre l’auto, e l’auto non c’è! Guardo, riguardo, decisamente non c’è più!

Rubata!

Criminali, bastardi, degenerati!

Allora cammino fino alla stazione, dove la mattina prima l’avevo parcheggiata e la ritrovo lì, nell’esatto punto dove poi la sera non l’avevo recuperata, essendo che Faffina mi ha dato uno strappo con la sua macchina.

Cioé, questi me l’hanno rubata senza scassinarla  e abbandonata dove l’avevo parcheggiata il giorno prima! Chiusa!

Perversi delinquenti!

Delpiereide

Del Piero ieri ha organizzato in gran segreto il proprio matrimonio, ma è andata male.

Pare che Capello l’abbia saputo, e a metà cerimonia l’abbia sostituito.

Adesso Trezeguet risulta bigamo.

Raccontata stamattina da Fabrizio, che l’ha sentita a Milaninter FM, che lui giura che esiste davvero.