Dilbert

Come il suo predecessore Bristow di Franck Dickens ha raccontato con ironia il mondo impiegatizio degli anni sessanta, così oggi le contraddizioni e le follie dell’impresa moderna sono raccontate ottimamente da Scott Adams, che disegna Dilbert. Oltre al solito immortale Linus, se n’è accorto anche Il Sole 24Ore, e la cosa mi allieta visto che è una lettura d’obbligo per me.

Festeggio quindi con una citazione:

Dilbert:   -Non abbiamo abbastanza ingegneri per gestire tutte le richieste di assistenza alla vendita.
Boss:  
Faccia un database online per registrare tutte le richieste.
Dilbert:   -Può sembrare che la fissi con disprezzo e incredulità, ma sto soltanto meditando.

Quante volte siete stati tentati di rispondere così al vostro capo?

 
Annunci

8 responses to this post.

  1. Posted by lascar on novembre 29, 2006 at 4:09 pm

    Scusa ma non ho ben capito una cosa. Quando dici che se ne è accorto Il Sole 24 Ore intendi dire… OGGI???

    Rispondi

  2. Posted by Xantro on novembre 29, 2006 at 6:10 pm

    No, beh, in effetti è da qualche tempo, ma non appare tutti i giorni. Forse è in un’edizione del weekend. Smetti quindi di strapazzare la tua povera copia di oggi, potrebbe non esserci; compra Linus, piuttosto, ne pubblicano sempre sei pagine.
    Dai retta a un pirla.

    Rispondi

  3. Posted by faffo on novembre 29, 2006 at 9:05 pm

    che poi, diciamocelo, è molto più divertente di quel crapone di bristow.

    Rispondi

  4. Posted by Xantro on novembre 30, 2006 at 1:48 pm

    Ma no, dai, Bristow era divertente. Certo, era humor britannico, piuttosto freddino.
    Ma come si possono dimenticare “La mente vacilla!” e “Il grande disastro del carrello del tè del ’67” ?

    Rispondi

  5. Posted by anonimo on dicembre 4, 2006 at 12:48 am

    giù le zampacce pulciose da bristow, eccheccazzo, si vede che non hai mai lavorato gerarchicamente, Faffo!

    X, hai mai letto “Il principio di Peter” ? Istruttivo.

    -pbm

    Rispondi

  6. Posted by Xantro on dicembre 4, 2006 at 5:41 pm

    Sì, lo conosco appunto grazie a “Il principio di Dilbert”, che lo cita fra le tante bestialità del mondo lavorativo citate da Scott Adams (ma l’autore è lo psicologo canadese Laurence Peter).
    Lo trovo *molto* istruttivo, PbM, tanto che approfitto della tua imbeccata per riportarlo, nell’estrema sintesi curata da Carlo Anibaldi che segue:

    “[…] Un individuo inserito in una scala gerarchica inizia l’attività con un ruolo preciso, svolgendo compiti precisi.

    Se svolge bene i suoi compiti viene “promosso”, passando a compiti diversi. Dopo un certo tempo, se anche questi nuovi compiti vengono svolti bene, scatta una nuova promozione. Tali promozioni portano a posizioni dette apicali che, per definizione, devono essere occupate da persone con una spiccata attitudine a risolvere problemi.

    Il gioco delle promozioni continuerà così fino al momento in cui l’individuo non sarà più in grado di svolgere i compiti assegnatigli. Da quel punto in avanti non avrà più promozioni. Ha raggiunto il massimo della sua carriera. Per cui ecco il principio: In ogni gerarchia, un dipendente tende a salire fino al proprio livello di incompetenza. Da questo principio discende che ogni posto chiave tende potenzialmente ad essere occupato da un incompetente, un soggetto cioè in grado di creare più problemi di quanti possa risolverne. Il che spiega molte cose sul funzionamento di parecchie istituzioni. […]

    Rispondi

  7. Posted by anonimo on dicembre 6, 2006 at 11:33 am

    sono sconvolta. Questa è la teoria sulle promozioni aziendali di mio papà! e io non sapevo che fosse uno psicologo canadese! :oP

    Rispondi

  8. Posted by faffo on dicembre 6, 2006 at 11:54 am

    si vede che non ho mai lavorato gerarchicamente? ma se qui mi chiamano ISAURA!

    bristow, per altro, non lavora MAI. magari ozierà gerarchicamente, ecco.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: