Compagni che se ne sbattono.

L’AMACA di Michele Serra, da Repubblica di venerdì 28 settembre.

"Nel patetico tentativo di catalogare, o ri-catalogare, le cose che mi circondano, e soprattutto il mio rapporto con esse, faccio più volentieri la spesa alla Coop piuttosto cheall’Esselunga. Perchè la Coop ha tanti soci e Esselunga un solo padrone, per giunta molto di destra, e dunque la coop mi pare più affine alle mie inclinazioni, giuste o sbagliate che siano. Ogni giorno che passa, però, mi rendo conto che questo tentativo di mantenere in vita una scala di valori rischia di rendermi, oltre che patetico, anche stupido. Leggo infatti che le Coop, ramo edilizia, stanno per costruire e gestire, a Genova, un albergo di superlusso, l’Hotel Bentley. E sia ben chiaro: fanno benissimo, il business è sicuramente ottimo anche se la ricaduta positiva sul prezzo delle pere negli ipermercati magari non è assicurata. Il problema è un altro. Il problema è che, evidentemente, Coop non si pone, nei confronti del proprio marchio, della propria funzione e del proprio destino, gli stessi scrupoli che mi pongo io. E questo mi fa sentire un vecchio e ridicolo moralista che si pone il problema di dove comperare il sedano. In fin dei conti, dunque, la nascita dell’ Hotel Coop-Bentley (che alle mie orecchie suona come Berlinguer-Vuitton) mi fa sentire molto sollevato. Business is business, la differenza tra Ipercoop e Esselunga sta solo nei miei decrepiti pregiudizi. E dunque evviva, liberi tutti, posso andare a fare la spesa dove accidenti mi pare."

2 responses to this post.

  1. Posted by anonimo on ottobre 3, 2007 at 2:09 am

    A tale proposito e’ molto interessante il libro – intervista a Caprotti, il Duce di Esselunga. Che, alla fine, non dice affatto cose sbagliate.
    Iorek

    Rispondi

  2. Posted by anonimo on ottobre 5, 2007 at 5:50 am

    caprotti e’ un duce, padrone e di destra. probabolmente sfrutta le cassiere facendole vivere nel terrore, ma pranza in mensa, con i dipendenti, ti apre la porta se lo incroci ed e’ onesto. dice quel che fa e fa quel che dice: si arricchisce con una catena di supermercati, cercando di dare prodotti di qualita’.
    non credo che questo sia valido per le coop che cercano la ricchezza dei loro dirigenti ma senza dirlo, purtroppo.
    (nota per una crociata linguistica: avrei potuto metterci un punto prima di questo purtroppo, come fanno tutti i giornalisti ormai, ma la sincope mi avrebbe bloccato il fiato in gola)

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: