Guzzanti (su Marte) e la dittatura.

Alla fine, su Sky, sono riuscito a vedere Fascisti su Marte, che per fortuna avevo evitato di andare al cinema a vedere, perché da un geniale sketch di dieci minuti non puoi cavare un film che superi l’ora, nemmeno se ti chiami Guzzanti e sei un talento comico assoluto.
Però mentirei, se negassi di essermi fatto qualche risata.
Ma la battuta più acuta, se vogliamo un vero trattato bonsai sulla natura della dittatura, è il commento alla grottesca scena della fucilazione dei Minimmi (i sassi di Marte, che i fascisti decidono essere indigeni ostili, per sviare l’attenzione dal problema della mancanza d’acqua):
 
“Perché non è detto che per arrivare a una soluzione finale
Si debba necessariamente partire da un problema iniziale."
Da sola, per me, vale tutto il film.

Annunci

3 responses to this post.

  1. Posted by anonimo on marzo 28, 2008 at 6:47 pm

    io ho trovato esilarante anche il conto alla rovescia con i numeri romani.
    kamamuri

    Rispondi

  2. Posted by Xantro on marzo 31, 2008 at 2:57 pm

    Verissimo!

    Rispondi

  3. Posted by Luciebasta on aprile 2, 2008 at 12:53 pm

    Per diffondere la mia mission sulla terra, vorrei sottolineare anche la scena dei Teletubbies, grazie.
    Confesso che non ho finito di vederlo, lo farò.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Guzzanti (su Marte) e la dittatura.

Alla fine, su Sky, sono riuscito a vedere Fascisti su Marte, che per fortuna avevo evitato di andare al cinema a vedere, perché da un geniale sketch di dieci minuti non puoi cavare un film che superi l’ora, nemmeno se ti chiami Guzzanti e sei un talento comico assoluto.
Però mentirei, se negassi di essermi fatto qualche risata.
Ma la battuta più acuta, se vogliamo un vero trattato bonsai sulla natura della dittatura, è il commento alla grottesca scena della fucilazione dei Minimmi (i sassi di Marte, che i fascisti decidono essere indigeni ostili, per sviare l’attenzione dal problema della mancanza d’acqua):
 
“Perché non è detto che per arrivare a una soluzione finale
Si debba necessariamente partire da un problema iniziale."
Da sola, per me, vale tutto il film.

3 responses to this post.

  1. Posted by anonimo on marzo 28, 2008 at 6:47 pm

    io ho trovato esilarante anche il conto alla rovescia con i numeri romani.
    kamamuri

    Rispondi

  2. Posted by Xantro on marzo 31, 2008 at 2:57 pm

    Verissimo!

    Rispondi

  3. Posted by Luciebasta on aprile 2, 2008 at 12:53 pm

    Per diffondere la mia mission sulla terra, vorrei sottolineare anche la scena dei Teletubbies, grazie.
    Confesso che non ho finito di vederlo, lo farò.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: