Finiti i ‘rupei.

E così, Spagna vincitrice, e con merito. Avessero continuato a giocare fino ad oggi, i tedeschi non l’avrebbero ancora messa dentro.
Però, fatemi rognare: è la stessa Spagna che a noi non è stata capace di fare un tiro in porta degno di questo nome in 120 minuti, Con Chiellini e Panucci (due terzini) a fare da centrali? La Spagna che su Camoranesi si è salvata di granbottadiculo, e che ne avrebbe raccolti tre in rete se il Bayern non avesse sostituito il nostro Toni con il suo gemello, quello che da piccolo è stato malato?
Sì, è quella.
Qui c’è tutta la chiave del torneo dell’Italia: ha ragione Donadoni a dire che bastava un rigore tirato meglio ed era tutta un’altra storia. Ma ha ragione anche chi nota che in quattro partite abbiamo fatto tre miseri gol, di cui nessuno su azione e nessuno segnato da attaccanti (ok, tranne quello annullato al gemello scemo di Toni contro i rumeni). E poi, lo vogliamo dire che, pur avendo giocato una buona partita (l’unica) contro la Romania, se non si inventa Buffon la più spettacolare parata di rigore che io ricordi, siamo fuori alla seconda partita?
Non ci è mancata la fortuna, ci è mancato il coraggio. Roba che capita a chi mette in squadra solo trentenni, di sicuro affidamento, ma un tantino bolsi dopo la centoventesima partita della stagione.
Unica soddisfazione: avere preso a calcinculo la Francia e il suo sportivo allenatore; chi si contenta gode.
Adesso Donadoni è fuori, e, da gentiluomo qual è, neppure chiederà soldi per non lavorare; arriva Lippi, che mi pare di avere già sentito nominare.
Ma se devo spendere una parola speciale per un giocatore, lo farei per uno, un italiano, che non ha giocato neppure un minuto: Fabio Cannavaro, infortunato ma sempre presente: impara, Totti Er Simpa, cosa vuol dire meritare la maglia della Nazionale.
Vabbe’, dai, finiamola buttandola in politica: ¡que viva Zapatero!
Annunci

3 responses to this post.

  1. Posted by ardentefiamma on luglio 1, 2008 at 2:48 pm

    L’Italia brutta, cattiva e razzista non meritava e non doveva vincere un europeo, simbolo calcistico di un integrazione coatta, meglio farlo vincere alla liberalissima Spagna, laboratorio di esperimenti per aberranti idee “riformatrici” dal punto di vista sociale, moscio assortimento di brocchi travestiti da campioncini in erba dal punto di vista calcistico. e Platini ci ha messo, anche stavolta, lo zampino…

    Rispondi

  2. Posted by anonimo on luglio 1, 2008 at 4:31 pm

    beh, come hanno spiegato i giocatori, i quarti contro l’italia sono stati un bello scoglio psicologico, vuoi perchè giocavano contro i campioni del mondo, vuoi perchè era dal 1984 che non andavano così avanti. e loro sono sempre partiti in quarta in tutte le manifestazioni per poi cadere miseramente. sinceramente, se non vincevano quest’anno non so proprio quando avrebbero potuto. gran portiere, finalmente maturato dopo qualche cappellata di troppo (ma d’altra parte i portieri stranieri sono sinonimo di cappellate), difesa granitica, centrocampo stellare (e pensare che c’era fuori uno dei prossimi palloni d’oro) e un attacco leggero ma ficcante (mi piace sto termine, prima o poi dovevo usarlo). domenech ha tentato, riuscendo meravigliosamente, di uscire al primo turno lasciano a casa trezeguet (uno da 20 gol all’anno), in panca frey (x far giocare coupet?!?!?!), assolutamente da psicolabile ubriaco tossico allo stato terminale la mossa di sostituire nasri con boumsong (boumsong?!?!?!?) contro l’italia. aragones invece ha centellinato fabregas (si dice così perchè la ragione è sempre di chi vince), mentre scolari ha spremuto e caricato di troppe attese o fabuloso new ronaldo.
    xantro, se mi dici che l’unica partita che abbiamo giocato bene è contro la romania, rileggi la frase, pesa il valore calcistico della romania, e risponditi da solo.
    scoperto poi l’arcano di toni, il consumo di rosti nei giorno dell’europeo è aumentato del 700%.

    Rispondi

  3. Posted by kamamuri on luglio 1, 2008 at 6:24 pm

    Sono contro lippi solo per un motivo: dopo aver vinto un mondiale, quante probabiità ci sono per un allenatore (in generale) e dell’italia (in particolare) di vincere qualcos’altro?
    kamamuri

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: