Necrologicamente scorretto.

Gli dice l’avvocato: “Michele, da ‘sta cazzo di causa per pedofilia non ne usciamo. Certo, una soluzione ci sarebbe…”
“E quale?” fa lui.
“Diventi presidente degli States e cambi le leggi.”
Michele solleva lo sguardo, alza gli occhiali da sole e guarda in faccia il suo avvocato; “te sei scemo” conclude.
Poi, in Italia viene eletto Silvio Berlusconi, che risolve i suoi guai giudiziari cambiando le leggi: una  prescrizione qui, una depenalizzazione là, assolto.
“Visto?” rinfaccia a Michele il suo avvocato.
“Vabbé, ma è l’Italia. Oltretutto ti pare che qui da noi possano eleggere un nero?”
Poi eleggono Obama.
Chiaro che poi a uno gli viene l’infarto.

Oh, a questo punto qualcuno mi rimprovererà di mancanza di pietà per un morto. Sia pure. Però il mio ragionamento, concedetemelo, è lineare: uno ha avuto tutta una vita, neanche brevissima, per guadagnarsi se non la mia stima almeno il mio rispetto. Se non c’è riuscito -con gli atti e con le parole che ha scelto, in vita- mi spiegate cosa dovrebbe aggiungere l’unico atto che non avrebbe mai potuto esimersi dal compiere, cioè defungere?

Sinceramente: non mi sono mai spiegato come uno che non stringeva la mano ad alcuno per paura di un contagio e che si lavava solo con acqua minerale potesse essere il proprietario dei diritti discografici dei Beatles. Questo mondo mi lascia perplesso.

Una cosa la concedo, al Michelino Figliodigiacomo: che il tempo non è stato galantuomo nei confronti della sua arte. Se lo fosse portato via poco dopo “Thriller”, un disco da incorniciare, come ha fatto col Ritchie Valens de “La Bamba”, ancor oggi lo rimpiangeremmo come uno dei più grandi artisti mai apparsi sulla scena del pop e sarebbe stato ricordato un’icona della gioventù, e non come uno dei più grossi pagliacci mai apparso nello star system.

E butto anche là una citazione (di cui non conosco il geniale autore, chi mi aiuta?), perché son qui per questo:

“Only in America can a poor, black boy become a white, rich lady.”

In ogni caso, sappiatelo: dormire in una camera iperbarica non è poi tutto ‘sto toccasana.

Annunci

7 responses to this post.

  1. Posted by anonimo on giugno 26, 2009 at 12:21 pm

    Questo tuo (impietoso?) commento oltre a farmi ridacchiare di gusto ti porterà sicuramente a diventare ospite d’onore in una puntata di “six feet under”. Approvo la tua linea, la camera iperbarica fa cafone, meglio i semicupi nella formalina tiepida. Ma il fatto che il Michael e la Farrah se ne siano andati quasi insieme vorrà dire qualcosa?

    Rispondi

  2. Posted by anonimo on giugno 26, 2009 at 1:13 pm

    bah xantro.. in tutta questa faccenda a me balza subito agli occhi come mai un ragazzo di colore, appena ha avuto un ghello in più in saccoccia ha fatto di tutto, ma proprio di tutto per diventare un bianco. questo va al di là della sua responsabilità personale, che non rinnego assolutamente.
    però mi vien da metter sullo stesso piano la vicenda di noemi; cioè è colpa sua se -puntini puntini puntini- possibile?

    tornando a lui, dal di fuori, da qual che ho leggiucchiato, sembra più “miseria umana” la sua vita ,che un Re del pop, peccato

    robi

    Rispondi

  3. Posted by Xantro on giugno 26, 2009 at 3:34 pm

    @ anonimo: “i semicupi nella formalina tiepida?” Non ti seguo, il che mi inquieta: sei troppo oltre? o io son troppo indietro? O entrambe le cose?

    @Robi: questa storia dell’aspirazione ad essere bianco è stato a lungo per me il tratto meno sopportabile del personaggio. Poi però è arrivata la pedofilia, che è stata la pietra tombale sul possibile riscatto; finchè si è limitato a far del male a sè stesso e alla propria immagine, beh, affari suoi, dopotutto; da quel punto in poi non sono disposto a passar sopra, per quanto intonato, ricco, bianco e ritmato uno sia.

    [@lettori: la chiosa del pezzo è stata da me proposta a http://www.spinoza.it (vedi link) e pubblicata. Mi stimozzo alquanto, per questo, e dedico a Sichiamamassimo (che ne fu profeta) questo fulgente istante di fama.]

    Rispondi

  4. Posted by anonimo on giugno 26, 2009 at 6:08 pm

    Semicupio: bagno parziale che si effettua stando seduti. E beh.

    Rispondi

  5. Posted by pochepretese on giugno 26, 2009 at 8:54 pm

    E se dicessi che la cosa non mi sfiora minimamente, anzi sono sorpreso di tutto questo clamore, mi pare secondo solo alla morte del papa?

    W Farrah Fawcett
    simo

    Rispondi

  6. Posted by lascar on giugno 29, 2009 at 2:55 pm

    Sono stato un grande fan da ragazzo, diciamo fino a una decina d’anni fa.
    Ho sempre pensato che la condotta di una persona non debba impedirci di valutare la sua capacità nel fare cose (posso personalmente pensare che Maradona sia un deficiente cocainomane, ma non per questo non devo riconoscere la sua bravura nell’entusiasmante giuoco del calcio!).
    Via via, però, mi è risulato sempre più difficile riuscire a mantenere in piedi questa distinzione. Non riuscivo ad accettare che una persona dotata di un talento tanto grande e tanto unico facesse di tutto per distruggersi con le sue stesse mani.
    Una liberazione, ho pensato, è stata questa morte: ora non c’è più il personaggio a gettare ombra sulla suo lavoro, ora si può godere pienamente della sua musica senza essere costretti un po’ a turarsi il naso (noi che ce l’abbiamo ancora il naso).
    E comunque musica nuova non ne produceva da un’eternità, musicalmente non c’era più da un pezzo.
    Non condivido il tuo cinismo e la tua freddezza, ma non posso fare a meno di sentirmi liberato da un peso.

    Rispondi

  7. Posted by anonimo on luglio 1, 2009 at 8:31 am

    Si fosse dato ancora un paio d’anni, e avrebbe completato la sua trasformazione (Elvis).
    Peccato.
    Iorek

    PS: i parallelismi Jackson / Presley si sprecano, lo so.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: