Generazione 1000 Euro

Ieri sera ho finalmente visto “Generazione 1000 Euro”, col ritardo di un anno circa tipico di chi – a causa dell’ingombrante presenza di un infante in casa (avevano proprio ragione: “ti cambia la vita”)- non va più al cinema e aspetta i film in tv. E mi sono divertito molto.

.
locandina-generazione-1000-euroPrima di tutto, ci sono attori bravi: Alerssandro Tiberi, già da me ampiamente apprezzato nella serie tv “Boris” (strepitosa, ma la potete vedere solo se avete Sky, è evidentemente troppo scomoda per Sue Emittenza e la sua idea di tv); Carolina Cresecentini, nata dalla stessa serie e già ben lanciata; Francesco “Nongio” Mandelli, un talento anche fuori da “I soliti idioti”; Valentina Lodovini, bella damagnàssela quando sorride; con le partecipazioni di Paolo Villaggio e Roberto Citran, hai detto niente.
Lo schema della storia magari non è originalissimo, ma è ben svolto; i dialoghi sono brillanti, non di rado si ride di gusto; bella regia. E poi parla con leggerezza di un momento e di una generazione, ma soprattutto di un Paese, di cui si dice poco anche al cinema.
Tra l’altro, nasce da un libro dalla storia editoriale piuttosto interessante: nato da un’inchiesta di El Paìs sulle generazione di milleuristi, è stato distribuito online e ha spopolato ben prima di essere dato alle stampe, tutto sulla base del passaparola.
Insomma, un film certamente da vedere.
 
Il punto è: ma in quanti l’avranno visto?
Perché magari non passerà alla storia come un manifesto del cinema italiano, ma l’ho trovato divertente e godibile almeno quanto “Notte prima degli esami", che invece ha sbancato i botteghini. Un po’ più adulto, magari, la qual cosa mi sembra solo un vantaggio. Poi può essere –come spesso capita- che il film non regga il confronto col libro; ma per chi, come me, il libro non l’ha letto si fa vedere eccome.
La spiegazione forse non va neanche cercata lontano: è secondo me in una battuta del film.
"La nostalgia è il primo segnale della crisi: c’è gente che ha così paura del futuro da scoppiare a piangere quando vede un Big Jim".
In questo senso, è molto più facile farsi consolare dagli anni lontani del nostro liceo, piuttosto che guardare con distacco e ironia ai nostri giorni così vicini e complicati: sempre per citare il film stesso “questa è l’unica epoca della storia in cui c’è gente che torna in Molise.”
 
Un solo appunto alla trama: era chiaro fin dall’inizio, almeno a me, che il protagonista alla fine avrebbe
Attenzione: spoiler
scelto quella con le tette più grosse
Annunci

14 responses to this post.

  1. Posted by phederpher on luglio 25, 2010 at 9:36 am

    anche per noi artistucci so tempi dvri, credi ammè

    Rispondi

  2. Posted by phederpher on luglio 25, 2010 at 9:36 am

    anche per noi artistucci so tempi dvri, credi ammè

    Rispondi

  3. Posted by anonimo on luglio 26, 2010 at 11:08 am

    mhh mhh cmq per chi volesse vedere boris e non ha sky, basta avere internet…io me lo sono visto in streaming!baci-paci

    Rispondi

  4. Posted by anonimo on luglio 26, 2010 at 11:08 am

    mhh mhh cmq per chi volesse vedere boris e non ha sky, basta avere internet…io me lo sono visto in streaming!baci-paci

    Rispondi

  5. Posted by anonimo on luglio 27, 2010 at 8:21 am

    La pay-tv senza il pay, come diceva il Denni…-pbm

    Rispondi

  6. Posted by anonimo on luglio 27, 2010 at 8:21 am

    La pay-tv senza il pay, come diceva il Denni…-pbm

    Rispondi

  7. Posted by anonimo on luglio 27, 2010 at 8:21 am

    cazzo, in credibile, mi sono ricordato di firmare!-pbmDi nuovo!!!

    Rispondi

  8. Posted by anonimo on luglio 27, 2010 at 8:21 am

    cazzo, in credibile, mi sono ricordato di firmare!-pbmDi nuovo!!!

    Rispondi

  9. Posted by anonimo on luglio 29, 2010 at 11:32 am

    ….ed è GOOOOOOOOOOOOOOOOOOLLL!!!!!!
    BARATASEGHI! DI TESTA!!!
    IMMMENSA CAZZATA DI DIDA!…
    ANDORRA UNO
    BRASILE ZERO!!
    Endriu

    Rispondi

  10. Posted by anonimo on luglio 29, 2010 at 11:32 am

    ….ed è GOOOOOOOOOOOOOOOOOOLLL!!!!!!
    BARATASEGHI! DI TESTA!!!
    IMMMENSA CAZZATA DI DIDA!…
    ANDORRA UNO
    BRASILE ZERO!!
    Endriu

    Rispondi

  11. Posted by 2001 on agosto 9, 2010 at 12:52 pm

    …che amarezza, cara… che amarezza…(No, non l'ho visto, né ho letto il libro, mancanza che colmerò quanto prima grazie al tuo brillante suggerimento!)

    Rispondi

  12. Posted by 2001 on agosto 9, 2010 at 12:52 pm

    …che amarezza, cara… che amarezza…(No, non l'ho visto, né ho letto il libro, mancanza che colmerò quanto prima grazie al tuo brillante suggerimento!)

    Rispondi

  13. Posted by anonimo on agosto 10, 2010 at 4:11 pm

    Questo ti piacerebbe

    Rispondi

  14. Posted by anonimo on agosto 10, 2010 at 4:11 pm

    Questo ti piacerebbe

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: