Almeno impegnatevi.

Caro TG1, ineffabile direttore, istimato montatore di servizi.

Non sono sorpreso che per rendere più drammatiche le immagini delle proteste degli studenti nei pressi di Villa Grazioli voi abbiate manipolato il filmato inserendo immagini di proteste più drammatiche (L’Aquila, 7 luglio) in modo da fare sembrare la situazione più tesa e pericolosa.

Insomma, so che siete da tempo privi di credibilità, che spacciate un’informazione di regime imbarazzante, che dipingete un’Italia che vedete solo voi ed Emilio Fede. Non lo dico io, lo dicono i dati di ascolto del TG1, in discesa libera (che in qualsiasi altro Paese avrebbero portato al vostro licenziamento, copretura con pece e guarinizione con piume).

Non mi azzardo quindi a chiedermi di fornire, coi soldi del mio canone TV, un’informazione, che so, decente. Figuriamoci. So che non siete stati scelti per quello.
Solo, se mostrate le immagini di ieri 25 novembre di manifestanti con sciarpe e giubbotti in una giornata grigia, perfavore, almeno non mischiatele con quelle di luglio, dove si sfoggiano t-shirt e canottiere e splende il sole. E andiamo, ma almeno farla bene, la disinformazione?

Non è che il solo fatto di essere italiano ed avere una tv faccia di me un coglione fatto e finito. Anche se, -capisco il vostro punto di vista- il guardare il vostro tg è già un consistente indizio in questo senso.

Annunci

4 responses to this post.

  1. Posted by anonimo on novembre 26, 2010 at 2:19 pm

    Scusa, ma stai dicendo sul serio?
    Iorek

    Rispondi

  2. Posted by Xantro on novembre 26, 2010 at 3:41 pm

    Guarda il link e forati le gomme, casomai ti venisse voglia di ritornare qui (e per quanto noi ne saremmo felici).

    Rispondi

  3. Posted by anonimo on novembre 26, 2010 at 10:42 pm


    lup

    Rispondi

  4. Posted by anonimo on novembre 27, 2010 at 8:39 am

    Ma cazzo c´e´ UNA CHE FUMA IN CANOTTIERA.
    Mi aspetto stasera di vedere le immagini di Dresda dopo il bombardamento.

    Sono sinceramente incredulo, nella mia ingenuita´ un po´ naive. Non trovo nemmeno le parole. Non e´ piu´ nemmeno indignazione, e´ proprio incredulita´. E stanchezza, quella di replicare, sempre piu debolmente, ad ogni straniero che giustamente (giustamente) non concepisce come reiterare e reiterare la presa per il culo non porti ad una dimissione di forza. Francamente: il legame con l´Italia, non fosse per gli amici – tra cui il demente di questo blog – e´ talmente sfilacciato che incomincio a diventare insensibile. Mi aspetto sempre il peggio, rassegnato, e ormai si tratta di attendere 24 o 48 ore. 
    Non possiamo avere un paese normale e civile (qui, se siete ottimisti, mettete pure un punto di domanda).

    Scendo in strada col coltello a serramanico. Torno subito.
    Iorek

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: