Archive for febbraio 2011

Corrierino delle famiglie 18

Conversazione telefonica della buonanotte, una sera in cui Faffo fa il turno di notte.

X – Ah, sai poi che avevi ragione tu sulla serie tv Spartacus? Stasera ho visto la prima puntata che avevo registrato.
F – Cioè, è un cagatone?
X – Immenso. Una cagata che si regge solo su tette e violenza.
F – Allora, fine dell’esperimento?
X – No, certo che no, mi guarderò tutta la serie.
F – Ma non hai appena detto…
X – Ho anche detto tette e violenza.

Talvolta penso che le donne proprio non ci stiano a sentire.

Corrierino delle famiglie 18

Conversazione telefonica della buonanotte, una sera in cui Faffo fa il turno di notte.

X – Ah, sai poi che avevi ragione tu sulla serie tv Spartacus? Stasera ho visto la prima puntata che avevo registrato.
F – Cioè, è un cagatone?
X – Immenso. Una cagata che si regge solo su tette e violenza.
F – Allora, fine dell’esperimento?
X – No, certo che no, mi guarderò tutta la serie.
F – Ma non hai appena detto…
X – Ho anche detto tette e violenza.

Talvolta penso che le donne proprio non ci stiano a sentire.

Come un rutto.

Ascolto il notiziario Radiopop, immerso in quello stato di crescente incredulità in cui mi dibatto da qualche giorno.

Il Governo ha annunciato un decreto urgente sulla Giustizia
(Oh, la sorpresa! Eccerto, se no come se la cava stavolta l’imputato B.?)
dichiarando che il provvedimento, data la situazione, non è più rinviabile.
(Ma hanno la faccia come il culo! Di tutte le urgenze… Io dico, ma come è possibile farsi così apertamente gli affari propri?)
La Lega, tuttavia, ha sollevato una questione
(Ah, beh, meno male! Saranno quello che sono i leghisti, ma un minimo di sussulto di dignità…)
sulla Festa dell’Unità d’Italia del 17 marzo.

Spontaneo, come gas dallo stomaco, mi è partito un vaffanculo.
Devo iniziare a razionarli, non vorrei finire presto la scorta.

Come un rutto.

Ascolto il notiziario Radiopop, immerso in quello stato di crescente incredulità in cui mi dibatto da qualche giorno.

Il Governo ha annunciato un decreto urgente sulla Giustizia
(Oh, la sorpresa! Eccerto, se no come se la cava stavolta l’imputato B.?)
dichiarando che il provvedimento, data la situazione, non è più rinviabile.
(Ma hanno la faccia come il culo! Di tutte le urgenze… Io dico, ma come è possibile farsi così apertamente gli affari propri?)
La Lega, tuttavia, ha sollevato una questione
(Ah, beh, meno male! Saranno quello che sono i leghisti, ma un minimo di sussulto di dignità…)
sulla Festa dell’Unità d’Italia del 17 marzo.

Spontaneo, come gas dallo stomaco, mi è partito un vaffanculo.
Devo iniziare a razionarli, non vorrei finire presto la scorta.

Buon sangue.

un Consigliere (di minoranza, se dio vuole) di Cantù, tale signora Angiola, a cui capita di essere la sorella del ministro Della Repubblica Giulio Tremonti, ha proposto in Consiglio Comunale di risolvere il problema del randagismo, invece che col dispendioso (18.000 Euro all'anno per un Comune situato in Brianza, un patrimonio!) metodo dei canili, con l'uccisione dei cani.

Deve essere che misura e sensibilità sono un marchio di famiglia.

Buon sangue.

un Consigliere (di minoranza, se dio vuole) di Cantù, tale signora Angiola, a cui capita di essere la sorella del ministro Della Repubblica Giulio Tremonti, ha proposto in Consiglio Comunale di risolvere il problema del randagismo, invece che col dispendioso (18.000 Euro all'anno per un Comune situato in Brianza, un patrimonio!) metodo dei canili, con l'uccisione dei cani.

Deve essere che misura e sensibilità sono un marchio di famiglia.

A qualche ora di navigazione.

Dopo la Tunisia, l'Egitto: i regimi totalitari cadono come birilli sotto la spinta della popolazione insofferente.
Dicono in molti di temere un effetto-domino nel Mediterraneo.
Io, francamente, guardo una cartina e ci spero.

A qualche ora di navigazione.

Dopo la Tunisia, l'Egitto: i regimi totalitari cadono come birilli sotto la spinta della popolazione insofferente.
Dicono in molti di temere un effetto-domino nel Mediterraneo.
Io, francamente, guardo una cartina e ci spero.

Bravo, ragionier Tremonti.

Cinquanta miliardi in più di evasione nel 2010 rispetto all’anno precedente. Fanno due volte l’ultime finanziaria di Tremonti, per intenderci.
L’ennesimo successo della politica dei condoni e degli scudi voluta da Tremonti e avvallata da Berlusconi; con tanti saluti alla bubbola dell’emerso che lo scudo avrebbe portato in dono. Te ‘l chi, il tuo bell’emerso, ragiunàtt!

Al di là degli aspetti morali, di cui l’Italia si impippa per definizione, andrebbe semplicemente riconosciuto con pragmatismo anglosassone che le politiche di Tremonti sono inefficaci nella misura in cui sono popolari. Non ha senso, lo capisce anche un bambino, recuperare un euro condonando un evasore quando la manovra porta altri ad evadere 10 euro; almeno che il senso non sia solo portare i voti a destra, si intende.
In questo, aridatece Prodi, o un qualsiasi Presdelcons che sappia varare una misura impopolare che porti frutti; lo chiamano “governare”, nei paesi in cui lo praticano.