Intolleranza 10: recensore, occhio a quello che fai.

Riprendo un commento dell’amica bookcrosser Lizzyblack, pubblicato in Facebook, che dice
“Ma che senso hanno le prefazioni dei libri in cui, subdolamente, ti spiattellano il finale? A parte farmi girar le balle, intendo…”
per esprimere il mio astioso ribrezzo per chi  con un commento, spesso con finalità commerciali, smonta tutta una delicata impalcatura di trama tesa a portare ad un certo risultato finale. Il commentino del Carneade di turno, scritto nel weekend perché l’editore te l’ha chiesto venerdì sera per lunedì alle 7, che fin dalle prime pagine fa collassare la struttura di un romanzo che ha richiesto mesi di scritture e riscritture.
Per non parlare dei film: giuro, non leggo recensioni, se non di pochi fidatissimi, per questo stesso motivo. Signori, se l’anticipazione dell’esito finale della vicenda  avesse un qualsiasi motivo di essere, ci pensa il regista a mettere quelle scene all’inizio: altrimenti, fatevi i cazzi vostri e state muti come un pecoraro della Locride che senta mugolii da un casolare, ok?
Come rispondevo a Liz, ci sarebbe da buttare Beccaria ai fossi, reintrodurre per decreto urgente la pena di morte mediante processo per direttissima ed esecuzione direttamente in aula.
Fosse per me, leggendo il Vangelo, al momento della resurrezione uno dovrebbe essere nelle condizioni di dire: “caaaaaaaaaaaaavoli, che finale, non me lo aspettavo, questa roba è meglio del Sesto Senso”.

Al solito, accetto e pubblico adesioni (nei commenti) alla crociata.

PRECEDENTI CROCIATE:

Annunci

11 responses to this post.

  1. Io aggiungerei, oltre alla pena di morte, supplizio mediante ascolto di tutti i libri dell’avvocato Marra letti dalla Tommasi, preceduti dai finali di ciascun libro.inoltre è cosa buona e giusta il sequestro dei beni familiari a titolo risarcitorio

    Rispondi

  2. pensa che non ho letto nemmeno le recensioni di giovanna d’arco per non rischiare… 🙂

    Rispondi

    • Pacina, sotto quell’aspetto da brava ragazza che va ai colloqui di lavoro si cela una perfida carogna, devo constatatare. 😉 Caparezza per me è morto da quella canzone, ma a te darò una seconda chance perché son troppo buono e perché prendi Trenord.

      Rispondi

  3. accidenti quello di armageddon e bruce willis di cui parla el capa mi è capitato proprio l’altra sera…. io non avevo mai visto armageddon :****( 🙂

    Rispondi

  4. Ricordo ancora quella volta da ingenua studentessa, mentre leggevo l’Otello di Shakespeare per la prima volta e notevole partecipazione, un’amica mi disse “muoiono tutti”…ci rimasi parecchio male!
    😀
    Ops!

    Rispondi

  5. Posted by lup on novembre 27, 2012 at 3:00 pm

    mai avuto questo problema
    sarà che difficilmente leggo una prefazione 🙂

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: