Archive for dicembre 2021

Il Pezzone 2021, bello anche il sequel ma secondo me aveva già detto tutto l’originale.

Eccomi qui, anche quest’anno. Posso iniziare rubando a ASPPS una vignetta?
Penso di sì.

Gennaio

-Potevamo non partire col covid? Per la preoccupazione dei virologi e del ministro della Sanità, viene scoperta la variante Gamma del Covid. Gamma come G, come i guanti indossati da Sanders in occasione dell’insediamento di Biden. Un chiaro messaggio per l’anno che abbiamo trascorso: sberla di ferro in guanto di lana. Colpisce (eccome se colpisce) chiunque abbia ripetuto più di una volta “andrà tutto bene” nel corso del 2020.

-Sempre in tema, Papa Francesco afferma che il vaccino anti-COVID e’ “etico”: il papa veste Pfizer. 

-L’assemblea degli azionisti approva la fusione di FSA e Chrysler in Stellantis, che in latino significa “E’ la pompa dell’acqua, ma non ho il pezzo in casa”, 

-Muore l’attice Cloris Leachman, indimenticabile interprete di Frau Blucher, sollievo nelle stalle di tutto il mondo.

-Emanuele Filiberto di Savoia Zumpappà in una lettera chiede scusa alla Comunità Ebraica, a settant’anni di distanza, per la promulgazione delle leggi razziali; comprensiva e portata al perdono come solo la religione ebraica insegna ad essere, la comunità risponde che apprezza il gesto dei Savoia e che fra settant’anni smetteranno di pisciare sul Mausoleo dei Savoia.

-Renzi, Senatore della Repubblica Italiana, in un ciclo di conferenza loda a pagamento il regime dei Sauditi e menziona “il nuovo rinascimento arabo”; e voi che ridevate di Razzi che simpatizzava per la Corea del Nord -gratis, ‘sto pirla. (Povero Renzi, tutta quella sabbia sulla lingua, chissà che gran fastidio)

-USA: del tutto inaspettatamente, visto il clima di serena accettazione della sconfitta elettorale instaurato da Trump, un gruppo di coglioni, vittimisti come interisti, vestiti come i Village People e incazzati come pensionati in fila alle Poste, irrompono al Congresso e fanno un tale casino, con tanto di morti e feriti, da far sembrare la sceneggiatura de La Casa di Carta plausibile e sensata.

Febbraio

-La NASA e l’ESA inviano un totale di cinque rover terrestri e uno aereo su Marte. Cercheranno di scoprire tracce di vita, di acqua e parcheggio. 

-I Maneskin, Maskionin, Foreskin, COMECAZZOSICHIAMANO, vincono Sanremo con una tipica melodia italiana, testi rassicuranti e abbigliamento sobrio, che noia.

-Gli USA rientrano 107 giorni dopo esserne usciti negli Accordi di Parigi per il clima, per continuare a non fare un cazzo -ma da dentro, mica da fuori, vuoi mettere?

-Draghi sale al Quirinale con un piglio che solo il compianto Morricone avrebbe potuto sottolineare adeguatamente. Il pianista si ferma, il saloon si zittisce, le ballerine sgranano gli occhi (Conte e Letta)  i bulli abbassano lo sguardo (Salvini), solo una cagnetta abbaia nel silenzio totale (la Meloni). 

Marzo
Anche quest’anno, nel Canale di Suez, una cosa enorme a cui nessuno badava si incastra di traverso bloccando l’intero pianeta, al solo scopo di vincere il premio di metafora piu’ scontata del 2021.
-I cinesi testano e introducono con successo i tamponi anali. C’è un nesso con Suez, una metafora evidente, infinite possibilità di combinazione (praticamente questa è una battuta Ikea: io vi ho dato gli elementi e le istruzioni, montatevela da soli).

-Viene scoperta la variante Epsilon, che infetta mediante sguardi insistiti e ha per effetto una potente forfora che nuoce alla vostra socialità. In poche settimane si saturano le poltrone in sala d’aspetto dei parrucchieri.

Aprile

-Putin viene criticato per aver ammassato truppe lungo il confine ucraino. Vestire i soldati da infermierine non è servito.

-Nasce e muore in una settimana la  SuperLeague di calcio, praticamente è stato l’inserto satirico della Champions League 2020-21

-Muore uno fra il Duca di Edimburgo, il Principe di Galles o il Conte dei Mashettishire, non mi ricordo. Aveva 99 anni e comunque faceva tutto sua moglie.

-SpaceX, di proprietà di Elon Musk, riesce a mandare quattro esseri umani nello spazio, aprendo una nuova stagione di elusione fiscale. Confcommercio chiede informazioni, così, per sapere.

Maggio

-La crisi Israelo-palestinese degenera in un conflitto a distanza, come risultato di una serie di provocazioni palestinesi, quelle liti fra vicini tamarri in cui non sai con chi schierarti, perchè non sai chi ha cominciato e li odi entrambi; quindi chiudi la porta e lasci che se la vedano fra loro, sperando che alla fine traslochino, tutti e due con famiglia (oddìo, gli ebrei li avevano pure sfrattati ad un certo punto, ma son tornati, da qui il casino).

I Muskulin, Metasgnips, insomma quelli belli seminudi che schitarrano, vincono pure l’Eurofestival, cosa di cui non fregherebbe niente a nessuno se non fosse che puppano i francesi, che è sempre gran bella cosa.

Variante Covid: la Pigreco, contagia attraverso il contatto con le calcolatrici e causa discalculìa e incapacità di distinguere un dodecosaedro da vostro cugino, imbarazzante.

Giugno

-Un mese noioso, finisce la scuola e neanche te ne rendi conto perché i pargoli erano già a casa da mesi. 

Luglio

-Stavolta puppano gli inglesi, che è quasi meglio; fra i guantoni di Donnarumma e i manoni in faccia di Chiellini, la Nazionale di calcio ai rigori conquista la Coppa dell’Europeo, con cui giocano a far sparire Insigne, mettendocelo dentro.

-Nuova variante Covid: la Spipsilon (boh, non mi ricordo l’alfabeto greco, al classico avevo sei e mezzo ed ero in tempesta ormonale), che colpisce solo i commercialisti mancini, ma fortissimo, tipo che esplodono.

Agosto

-Olimpiadi: in cinque minuti l’Italia vince gli ori in salto in alto e 100 metri, cosa a cui inizierò a credere fra cinque anni, tanto sono tutt’ora sbigottito. L’impresa si inserisce nel contesto del medagliere più ricco di sempre per l’Italia, comprese discipline infilate di straforo, come la briscola chiamata e il ragù con la cucchiara, poi chiaro che vinciamo.

-Variante del mese: Tau, T come i talebani che hanno invaso Kabul ad agosto. Entrambi di difficile eradicazione, potenzialmente mortali, entrambi fissati con la riproduzione mediante organismi ospiti (per i talebani: le donne); per il covid almeno c’è un vaccino.

-muoiono Gino Strada, medico condotto ad ampio raggio, e Charlie Watts, batterista di una cover band di discreto successo (questa la capisce solo chi odia dal profondo McCartney).

Settembre 

-Regno Unito, USA e Australia decidono di giocare a Risiko coi sottomarini lasciando fuori dalla partita la Francia, “mi spiace, abbiam fatto le squadre prima”. La Francia mette il muso e ritira l’ambasciatore, con tutto il suo Camembert.

-Luca Morisi, la Bestia, il guru della comunicazione di Salvini, viene incastrato in un’operazione sporca, una trappola mediatica ordita ai suoi danni per dimostrare che spaccia, il che si dimostra presto una falsità, mentre la verità che è solo uno stronzo che pippa come un segugio mentre suggerisce al Savini campagne comunicative antidroga. 

-Vittoria italiana nel volley femminile, capirai chissenefr- DIOBONO CHE GNOCCHE, VIVA L’ITALIAAAA!!! (Ah beh, poco dopo anche i maschi, certo certo, bravi pure loro, MA)

-A proposito, la statua della Spigolatrice a Sapri introduce la variante K, come kulo, che si propaga solo quando si balla il samba e solo tra spigolatori professionisti. Molto esclusiva, come variante.

Ottobre

-La Meloni, col suo senso della misura, definisce Richard Gere “attore in cerca di notorietà”; ditemi voi come faccio a dirci sopra una cosa che faccia più ridere di così (in generale la Meloni utilizza con la satira la tattica della terra bruciata, dicendo delle cazzate tali che non c’è niente da aggiungere). 

-Sempre da quelle parti lì -sotto il livello dei tombini, per intenderci- giornalisti smascherano finanziamenti illeciti di gruppi noefascisti, che reagiscono essenzialmente piagnucolando che però, ecco, non si fa così, dai. “Fascisti pucciosi” è la definizione del secolo, ed è opera di Francesco Costa.

-I portuali di Trieste scendono in manifestazione con Forza Nuova (deve essere il loro mese), coi novax, coi negazionisti, i terrapiattisti e i feticisti dell’alluce, Montesano, Pippo Franco e Povia, con l’appoggio esterno dei Tre Filosofi (Il Volo versione rincoglionita): l’unica didascalia a questa accozzaglia può essere solo “il sonno della ragione genera mostri, proprio come la peperonata”.

Novembre

-La Cop26 di Glasgow conclude i lavori ammettendo che “in effetti fa caldino, aprirei le finestre” e Greta si incazza, tanto per cambiare.

-Grande successo in Italia della serie coreana Squid Game, una proposta, fra le righe, per la soluzione del problema della sostenibilità finanziaria delle pensioni INPS.

-E’ il turno finalmente di Omicron, che sta per “Oh oh, mica credevate di passarla liscia, vero?”, la variante Covid detta anche “finora abbiamo scherzato”, Particolarmente insidiosa, si pone come ciliegina avariata sulla pizza di fango del Camerun che è stato il 2021 e colpisce secondo il modello ‘ndocojocojo, tanto che si trasmette anche solo pensandoci, quindi non fatel- ECCO VI SIETE INFETTATI, MA VOI MAI DARMI RETTA, EH?

Dicembre

-Fra i Novax in lizza per il Premio Darwin 2021, spicca il demente che pretende di farsi vaccinare il braccio finto e soprattutto ritiene che il personale sanitario non sia in grado di distinguere un arto di plastica da uno in carne e ossa: epitome dei “io non sono antivax ma”. Non sono un medico, ma una diagnosi di coglioneria acuta non mi sembra smentibile. 

-A Philadelphia, una Tesla guida da sola verso l’ospedale mentre al suo interno la guidatrice sta partorendo, mentre in Italia una 500 al massimo potrebbe guidare da sola verso la cassa integrazione mentre al suo interno un operaio viene inculato. 

-Fa scalpore un tweet di Renzi in cui afferma di essere stato buttato in mezzo ai lupi ed essere diventato capobranco. Mentre rimane, per rimanere in tema, un pesce pagliaccio.

-Potevamo non chiudere col covid? Non posso giurarci, ma se ho capito come funziona se la prossima variante, quella del 2022, la chiamiamo Omega poi di lettere greche non ce n’è più e quindi la facciamo finita, che è il mio augurio per l’anno a venire.

Il Pezzone è finito.

Non infettatevi, mangiate lenticchie, trombate solo dietro presentazione di tampone, preparatevi con ottimismo all’anno di merda che vi racconterò l’anno prossimo.