Posts Tagged ‘forse non tutti sanno che’

L’arte del prezzaggio nel fast food.

Da Burger King (bella cena la mia, eh?) oggi una confezione di Chili Cheese da quattro pezzi costa 1,50 €; quella da sei pezzi 3,50.
“Scusi, ho letto bene?”
“Sì, quella piccola è in offerta.”
“Capisco.”
“Allora gliene do una da quattro o una da sei?”
“No, ne vorrei DUE da quattro per 3,00.”
Mi guarda perplessa.

Si vede che è una dell’ufficio marketing -quello che ha deciso questo brillante prezzaggio- che sta coprendo il turno di un cassiere ammalato.
Così tutto si spiega.

Via Melchiorre Spasso, Milano.

A Milano alcuni immobili, che per posizione o pregio architettonico o salapinna quale motivo han deciso di rifarsi la facciata, hanno deciso di trasformare il portone d’ingresso in un posto di richiamo, con insegna in accattivante design, manco fosse un negozio. Per esempio, in via Vittor Pisani c’è un ingresso spettacolare con la scritta “Pisani 26” a far da richiamo. Mi sfuggono i motivi di tale scelta, ma questo non è il punto.

Il punto è che in via Melchiorre Gioia c’è un ingresso di questo tipo. Al civico 69.
L’insegna recita quindi “Gioia 69”.
E ditemi che non sapevano quello che facevano.

Ah, e per di più più avanti c’è un centro massaggi rilassanti orientali (leggi: bordello) che si chiama “la pace dei sensi”.

Poi l’humor ce l’hanno solo i romani. Tsé.

Tenetevi forte.

Secondo le anticipazioni di "Repubblica" di oggi, apprendo che all'interno del "decreto sviluppo" sarebbero previste le abolizioni degli albi professionali per le seguenti categorie: grossisti, facchini, estetiste, produttori di margarina, pesatori, spedizionieri.
Poi la sinistra dice che non si fanno le riforme.

Darwin today

Sono in commercio gadgets per ingannare i sensori sonori delle cinture di sicurezza. Li infili nell’apposita fessura, il beep smette e nessuna cintura ti stringe.

Esiste anche la versione “Hello Kitty”.

Hellokitty cinture

“Taaac!” avrebbe detto Darwin, se fosse stato milanese.

Buon sangue.

un Consigliere (di minoranza, se dio vuole) di Cantù, tale signora Angiola, a cui capita di essere la sorella del ministro Della Repubblica Giulio Tremonti, ha proposto in Consiglio Comunale di risolvere il problema del randagismo, invece che col dispendioso (18.000 Euro all'anno per un Comune situato in Brianza, un patrimonio!) metodo dei canili, con l'uccisione dei cani.

Deve essere che misura e sensibilità sono un marchio di famiglia.

Buon sangue.

un Consigliere (di minoranza, se dio vuole) di Cantù, tale signora Angiola, a cui capita di essere la sorella del ministro Della Repubblica Giulio Tremonti, ha proposto in Consiglio Comunale di risolvere il problema del randagismo, invece che col dispendioso (18.000 Euro all'anno per un Comune situato in Brianza, un patrimonio!) metodo dei canili, con l'uccisione dei cani.

Deve essere che misura e sensibilità sono un marchio di famiglia.

Bravo, ragionier Tremonti.

Cinquanta miliardi in più di evasione nel 2010 rispetto all’anno precedente. Fanno due volte l’ultime finanziaria di Tremonti, per intenderci.
L’ennesimo successo della politica dei condoni e degli scudi voluta da Tremonti e avvallata da Berlusconi; con tanti saluti alla bubbola dell’emerso che lo scudo avrebbe portato in dono. Te ‘l chi, il tuo bell’emerso, ragiunàtt!

Al di là degli aspetti morali, di cui l’Italia si impippa per definizione, andrebbe semplicemente riconosciuto con pragmatismo anglosassone che le politiche di Tremonti sono inefficaci nella misura in cui sono popolari. Non ha senso, lo capisce anche un bambino, recuperare un euro condonando un evasore quando la manovra porta altri ad evadere 10 euro; almeno che il senso non sia solo portare i voti a destra, si intende.
In questo, aridatece Prodi, o un qualsiasi Presdelcons che sappia varare una misura impopolare che porti frutti; lo chiamano “governare”, nei paesi in cui lo praticano.

Tutto quello che del 2010 vorreste dimenticare, ma io non vi lascio.

E così, finalmente, anche il 2010 è alle spalle o, per i più cinici, alle terga.
Si è trattato di un anno straordinario e irripetibile; o perlomeno, così speriamo.
Ma bando ai rimpianti (?), torniamo ad esaminare i principali fatti.

GENNAIO
L’anno inizia bene ad Haiti, dove un terremoto distrugge tutto lasciando intatta Santo Domingo, medesima isola: si cerano problemi teologici, nel senso che metà degli abitanti smette di credere che Dio esista, e l’altra metà crede che esista e che ce l’abbia con loro.
Nichi Vendola, che non è il candidato scelto dal PD, vince le primarie in Puglia. Tutte le decisioni del PD nel corso dell’anno saranno parimenti illuminate e lungimiranti, questa è solo la prima, delle altre non vi riferisco neanche.
Condanna a sette anni in appello a Totò Cuffaro per avere agevolato la mafia, stavolta il cannolo (con cui aveva festeggiato una derubricazione –da collusione a concorso esterno, capirai- del delitto, anni prima) gli va di traverso. Magari in Cassazione ci si strozza.In Afghanistan, la diplomazia USA inizia a tessere timidi contatti per negoziati coi talebani. E’ solo un lumicino di speranza, ma la CIA cerca in ogni modo di tenerlo acceso.

FEBBRAIO
Scontri per le piazze in Grecia, i soliti agitatori sociali protestano per le misure prese per arginare la crisi: pensione e 180 anni (di lavoro, non di anzianità) e licenziamento di tutti i dipendenti pubblici che percepiscano più di tre Euro di stipendio. Annuali.
Indagato Bertolaso per il G8 alla Maddalena; arrestato il vice, Balducci. Personalmente sto dalla parte dei giudici, perché uno che si presenta in pubblico sempre in tuta merita ogni tipo di persecuzione, finanche un’indagine che Berlusconi insabbierà prima che possa fare danni.
Grandi opere, indagato il coordinatore del PdL Denis Verdini. Perbacco, avete notato per caso una tendenza alla corruzione nel PdL? Bravi, anch’io.
Il resto degli italiani, però, no, non l’ha notato: alle urne vengono premiati i partiti di destra, perfino la Polverini riesce a vincere nonostante sia difficile credere che una che manco si presenta puntuale alla scadenza per la presentazione delle liste possa rivelarsi un genio dell’amministrazione. Perlomeno, questo è l’esito dei duecentoventotto voti espressi in tutta Italia su quarantun milioni di aventi diritto (sì, c’è stata un po’ di astensione, in effetti).

MARZO
Negli USA, finalmente, passa la riforma sanitaria voluta da Obama. Ognuno sarà obbligato ad avere un’assicurazione sanitaria, che al momento del dunque cavillerà fino a escluderlo da qualsiasi cura, come facevano già prima gli ospedali se non eri assicurato. Praticamente cambierà solo chi ti comunica che morirari.
In un solaio di una chiesa, si scoprono i resti di una ragazza scomparsa nel 1993: chi cazzo le faceva le pulizie, in quella sagrestia?

APRILE
Fini-Berlusconi, è rottura. No, non di coglioni, quelli ce li avevano sfracanati già quindici anni fa; è rottura fra loro. Praticamente Fini accusa Berlusconi di avere ragione sempre lui e di non accettare che lo si contraddica; dovete avere pazienza, è uno che ci ha messo quarant’anni a rendersi conto che Mussolini di mestiere faceva il dittatore, con Berlusconi a confronto è stata un’intuizione-lampo. A sua volta, Berlusconi, per dimostrargli che ha torto e che lui accetta le critiche, lo espelle dal partito.
Il vulcano Eyja-qualcosa-kull erutta, fermi i voli di tutta Europa per via dell’immensa nube di cenere che oscura i cieli. Si scopre che i titoli di Stato islandesi erano stati buttati tutti in quel vulcano nel 2008, quando ci si era resi conto che, tutti assieme, raggiungevano il potere d’acquisto per una sveltina con Lubja, una prostituta sessantenne della periferia di Reykjavik .
In Louisiana esplode un pozzo petrolifero sottomarino della BP, inizia a fuoriuscire marea nera. La BP assicura che non è niente, un paio di giorni e mettono tutto a posto, gli allarmismi degli ecologisti sono isteria ingiustificata.

MAGGIO
Si dimette il ministro Scaiola, vittima a suo dire di una macchinazione, gli avevano pagato a sua insaputa parte dell’appartamento con vista Colosseo. [Questa è la notizia nuda e cruda, e io francamente non ho una battuta che ne superi l’effetto comico. Come potrei?]
Storace viene condannato per il Lazio-gate, una storia di spionaggio e furto di dati. Ingenuamente, io che conservo memoria di quanti per lui avessero messo la mano sul fuoco, da Fini a La Russa, mi aspetto diffuse mutilazioni; niente, anche stavolta ho fatto male a fidarmi.
Appalti per l’eolico in Sardegna, si scoprono giri di corruzione da basso impero persiano; indagato fra gli altri Denis Verdini, dove l’ho già sentito questo nome? (Ma questo dove lo trova il tempo?)

GIUGNO
L’inter vince, meritatamente, la Coppa Italia e, rubando, un altro paio di tornei che adesso mi sfuggono. Mezzora dopo la conquista di uno di questi Mourinho si complimenta con l’Inter per la vittoria dal cellulare di Florentino Perez, presidente del Real Madrid. Moratti rimane perplesso, ma abbozza.
Inchiesta per i Grandi Eventi, indagato fra gli altri l’ex-ministro Lonardi, che aveva da poco proposto la reintroduzione dell’autorizzazione a procedere per i Parlamentari. Quando si dice le coincidenze, eh?
Obama rimuove il generale responsabile della compagna di Afghanistan, reo di avere criticato il ritiro. Lui avrebbe mosso almeno tre carri dalla Kamchatka e riaperto la partita, aveva dichiarato. Intanto i contatti diplomatici segreti coi talebani continuano e prende forma qualcosa che è più che una speranza.
Scoppia il caso delle mozzarelle blu. Fossero rimaste bianche, nessuno si sarebbe accorto che le producevano in Germania, che di mozzarelle ha una lunga e solida tradizione artigianale: mozzarella, patate e bratwurst, il tipico piatto bavarese.
Condannato Dell’Utri a 7 anni per concorso esterno in associazione mafiosa. “Smontato un teorema” esultano i papaveri del PdL; se per caso lo assolvevano lo proponevano per il Nobel?

LUGLIO
In Sudafrica, fra balli e canti della popolazione locale, si tengono i mondiali di calcio. L’Italia capita in un girone di ferro, con la Slovacchia, il Paraguay e addirittura la Nuova Zelanda, che in panchina ha anche una pecora e un kiwi (l’uccello, non il frutto); fatalmente, siamo eliminati. Qualche responsabilità ce l’ha Lippi che, non volendo cambiare una squadra vincente, ha riproposto la formazione del 1982; Cabrini era un tantino fuori forma. Il titolo va alla Spagna, all’Italia neanche la soddisfazione del titolo Figurademmerda, che si aggiudica la Francia, ma di un soffio.
Moratti riceve una cartolina da Mourinho da Madrid e inizia sospettare qualcosa; ma, prima di intercettare e pedinare, lui un’opinione non se la fa mai, quindi attende gli sviluppi, sempre più perplesso.
Slitta ancora la chiusura del pozzo petrolifero sottomarino della BP. Nastro adesivo, pongo e silicone da doccia non reggono, pare. Obama è talmente stizzito che gli cala la media a canestro.
Aldo Brancher -accusato di ricettazione e appropriazione indebita per la scalata ad Antonveneta di Giampiero Fiorani- sta quasi per essere nominato ministro, il che gli conferirebbe l’immunità. Il Presidente della Repubblica emana un comunicato il cui senso può essere riassunto in “col cazzo!”.  Brancher sostiene che lui all’immunità neanche ci pensava, tanto è innocente e –pronti- patteggia una condanna a 2 anni. Oh, dico, se per caso iniziate a sospettare che nel PdL ci siano del corrotti, ditemelo, eh, che indago.
Fini crea Futuro e Libertà, movimento democratico di una destra moderna, il cui principale scopo è togliersi dai coglioni Gasparri e La Russa, e dici niente.

AGOSTO
33 minatori cileni rimangono intrappolati nelle viscere della terra; le dimensioni della tragedia appaiono nella loro drammaticità quando si apprende che nessuno si era portato neppure una Nintendo DS.
Sakineh, una donna iraniana, viene condannata a morte per lapidazione, ma a seguito della pressione dell’opinione pubblica internazionale, la condanna viene mutata in impiccagione. Stranamente, Sakineh non pare del tutto sollevata. Certa gente non è mai contenta.
Gli ultimi soldati USA lasciano l’Iraq, tranne alcuni originari di Miami, che si sentono più al sicuro lì che a casa.
Scompare Sara Scazzi, e con lei il buon gusto e il pudore dei media che si occupano di cronaca (vero Bruno-plastico-Vespa)? Mesi dopo, sarà ritrovato solo il cadavere di Sara, della professionalità dei media manco quello.
A proposito di buon giornalismo, sulle pagine di Libero e Il Giornale scoppia il caso dell’appartamento di Montecarlo Fini, che avrebbe fatto transitare una cucina Scavolini da conti svizzeri, intestandola a scatole cinesi residenti in paradisi fiscali e così avrebbe minato la credibilità dell’Euro, negato le radici cristiane dell’Europa e destabilizzato il nucleo dell’atomo. O perlomeno questa è la tesi di Feltri.
Muore Cossiga, il Padreterno vuole evidentemente vedere se almeno lui, di persona, gli cava qualcosa su Ustica. Seh, auguri.

SETTEMBRE
Viene finalmente chiuso il pozzo sottomarino BP. La chiazza di petrolio forma ormai un cinquantaduesimo stato. Obama, furente con la BP, dichiara il boicottaggio del porridge e colbacchi della Guardia Reale.
La Francia vieta il burqa per tutelare la dignità delle donne, ma non ha il coraggio di mettere al bando anche Dolce e Gabbana; peccato, già che c’erano…
I rifiuti straripano a Napoli, il tappeto che Berlusconi aveva fatto tessere, che copriva la superficie di sette-otto comuni campani, e sotto il quale era stata spazzata la munnezza finora, non tiene più. Incendiate alcune discariche a Terzigno e dintorni, si crea un effetto simile a quello del vulcano islandese, ma con la puzza in più.
In finanza è crisi per Grecia, Portogallo, Spagna, Irlanda. La Merkl è disposta ad aiutare i fratelli europei, ma soltanto a patto che gli inviino gli ebrei residenti in quei paesi per ferrovia, si parla di una rimpatriata; ma i suddetti Paesi hanno già venduto alla Cina i vagoni, le stazioni ferroviarie e le macchinette distributrici alle stazioni, quindi non se ne fa niente.
Riprende il campionato di calcio, Moratti non vedendo Mourinho ripresentarsi agli allenamenti lo chiama al cellulare; lì scopre di avere sempre avuto il numero di un transessuale svizzero. Inizia a insospettirsi, forte, stavolta. Accetta di far allenare un grassone spagolo, tanto per coprire il buco.
Alluvioni in Pakistan, il mondo se ne fotte. Ce l’avete , il petrolio? Gas? Uranio? Cosa avete, allora? Talebani? Hm. Lasciate il numero, richiamiamo noi, semmai.

OTTOBRE
Liberati i 32 minatori cileni, stanno tutto sommato piuttosto bene, anche se per mesi per distrarsi hanno avuto solo Felipe, che sa solo barzellette su Pablito (il Pierino del Cile). Per staccare Felipe dalla parete ci vorranno altri due mesi.
Nobel alla pace al dissidente cinese Xiaobo, a Stoccolma verrà premiata una sedia vuota. “Tanto, dopo il trattamento che gli abbiamo riservato il carcere, dubitiamo che potrà sedersi prima del 2028” dichiarano le autorità cinesi.
Epidemia di colera ad Haiti; questa volta i dubbi teologici vengono risolti con una conversione di massa della popolazione, in modo che le bestemmie che tirano siano più sentite, tipo il cattolico Veneto.
Scoppia il caso-Ruby: una minorenne troieggiante frequenta serate a casa del Presidente del Consiglio; quando questa si trova nei guai con la polizia, lui chiama la questura e fa loro credere che si tratti della figlia di Mubarak, poi manda un alto esponente del suo partito (ex-soubrette, ex-igienista dentale di Berlusconi stesso), che la preleva e poi praticamente l’abbandona. Adesso scusate ma mi rileggo più volte quello che ho scritto, perché non mi capacito che sia vero.
I contatti USA coi talebani sono ormai quasi ufficiali, si abbandona la prudenza e  un rappresentante dei taliban viene scortato in aereo per trattare col legittimo governo dell’Afghanistan, Joe Bill Kharzai.

NOVEMBRE
Elezioni di mid-term in USA, Obama riceve un tale schiaffo dalle urne che per farsi consolare telefona a Bersani, che c’è abituato.
San-Su-Ki, rilasciata dopo 7 anni di arresti domiciliari, indice una conferenza stampa e mostra una casa con pavimenti e mobili lucidissimi
Assolti tutti gli imputati di Piazza della Loggia a Brescia, si indaga ora sull’autocombustione.
Nadia Macrì, escort (traduzione: bagascia col senso degli affari) dichiara di avere passato alcune notti con Berlusconi per 5.000 Euro a botta. Aldilà di tutto, ma, voi che lo votate, come fate a pensare che capisca le vostre esigenze uno che per una trombata brucia sei mesi del vostro mutuo?
Si concludono i colloqui col rappresentante dei talebani dell’Intelligence USA: il tizio fugge con borse piene di denaro e rivela di esser un ciabattino di Peshawar. Non so a voi, a me ricorda Totò e Peppino che vendono ad un turista americano la fontana di Trevi.
A proposito di pirla, Moratti conta i punti in classifica e inizia a rendersi conto che la squadra non è più allenata da Mourinho.
Muore suicida Mario Monicelli, autore fra l’altro di Amici Miei e qui non ho nulla da aggiugere a quello che ha scritto Iorek
:
“Io credo che più che ad un suicidio, Monicelli abbia pensato alla faccia dell'infermiera davanti al letto vuoto. ” 

DICEMBRE
La Corea del Nord spara su quella del Sud. La Lega, lì, è avanti col programma.
Parentopoli a Roma: Alemanno ha assunto tante persone imparentate fra loro che i pranzi di famiglia ormai li tengono nelle rimesse dei tram.
Nasce il governo Scilipoti-Berlusconi. La compravendita di voti è così palese che nasce un listino di borsa FTSE-Montecitorio, dove finalmente le quotazioni dei parlamentari si possono seguire attraverso prezzi chiari e accessibili ai compratori. Soprattutto si evitano brutte figure come quella dell’onorevole Santanché, che, nella foga di comprare parlamentari dell’opposizione, spinge Berlusconi a pagarne uno che aveva già acquistatp a suo tempo: sé stessa. Capita, di confondersi.
Wikileaks rivela al mondo la verità: gli ambasciatori USA sono delle gran portinaie e morire che si facciano i cazzi loro.
Benitez defenestrato da Moratti, ormai convinto che Mourinho non tornerà; conosco fidanzatini quindicenni che hanno rapporti più seri e duraturi di quelli di Moratti coi suoi allenatori.
Tanzi condannato a 18 anni per il crac Parmalat. E questa, vaffanculo, è l’unica buona notizia di quest’anno.

Aaah, ma il 2011 sarà sicuramente tutt’altra cosa.
Credo.

Tutto quello che del 2010 vorreste dimenticare, ma io non vi lascio.

E così, finalmente, anche il 2010 è alle spalle o, per i più cinici, alle terga.
Si è trattato di un anno straordinario e irripetibile; o perlomeno, così speriamo.
Ma bando ai rimpianti (?), torniamo ad esaminare i principali fatti.

GENNAIO
L’anno inizia bene ad Haiti, dove un terremoto distrugge tutto lasciando intatta Santo Domingo, medesima isola: si cerano problemi teologici, nel senso che metà degli abitanti smette di credere che Dio esista, e l’altra metà crede che esista e che ce l’abbia con loro.
Nichi Vendola, che non è il candidato scelto dal PD, vince le primarie in Puglia. Tutte le decisioni del PD nel corso dell’anno saranno parimenti illuminate e lungimiranti, questa è solo la prima, delle altre non vi riferisco neanche.
Condanna a sette anni in appello a Totò Cuffaro per avere agevolato la mafia, stavolta il cannolo (con cui aveva festeggiato una derubricazione –da collusione a concorso esterno, capirai- del delitto, anni prima) gli va di traverso. Magari in Cassazione ci si strozza.In Afghanistan, la diplomazia USA inizia a tessere timidi contatti per negoziati coi talebani. E’ solo un lumicino di speranza, ma la CIA cerca in ogni modo di tenerlo acceso.

FEBBRAIO
Scontri per le piazze in Grecia, i soliti agitatori sociali protestano per le misure prese per arginare la crisi: pensione e 180 anni (di lavoro, non di anzianità) e licenziamento di tutti i dipendenti pubblici che percepiscano più di tre Euro di stipendio. Annuali.
Indagato Bertolaso per il G8 alla Maddalena; arrestato il vice, Balducci. Personalmente sto dalla parte dei giudici, perché uno che si presenta in pubblico sempre in tuta merita ogni tipo di persecuzione, finanche un’indagine che Berlusconi insabbierà prima che possa fare danni.
Grandi opere, indagato il coordinatore del PdL Denis Verdini. Perbacco, avete notato per caso una tendenza alla corruzione nel PdL? Bravi, anch’io.
Il resto degli italiani, però, no, non l’ha notato: alle urne vengono premiati i partiti di destra, perfino la Polverini riesce a vincere nonostante sia difficile credere che una che manco si presenta puntuale alla scadenza per la presentazione delle liste possa rivelarsi un genio dell’amministrazione. Perlomeno, questo è l’esito dei duecentoventotto voti espressi in tutta Italia su quarantun milioni di aventi diritto (sì, c’è stata un po’ di astensione, in effetti).

MARZO
Negli USA, finalmente, passa la riforma sanitaria voluta da Obama. Ognuno sarà obbligato ad avere un’assicurazione sanitaria, che al momento del dunque cavillerà fino a escluderlo da qualsiasi cura, come facevano già prima gli ospedali se non eri assicurato. Praticamente cambierà solo chi ti comunica che morirari.
In un solaio di una chiesa, si scoprono i resti di una ragazza scomparsa nel 1993: chi cazzo le faceva le pulizie, in quella sagrestia?

APRILE
Fini-Berlusconi, è rottura. No, non di coglioni, quelli ce li avevano sfracanati già quindici anni fa; è rottura fra loro. Praticamente Fini accusa Berlusconi di avere ragione sempre lui e di non accettare che lo si contraddica; dovete avere pazienza, è uno che ci ha messo quarant’anni a rendersi conto che Mussolini di mestiere faceva il dittatore, con Berlusconi a confronto è stata un’intuizione-lampo. A sua volta, Berlusconi, per dimostrargli che ha torto e che lui accetta le critiche, lo espelle dal partito.
Il vulcano Eyja-qualcosa-kull erutta, fermi i voli di tutta Europa per via dell’immensa nube di cenere che oscura i cieli. Si scopre che i titoli di Stato islandesi erano stati buttati tutti in quel vulcano nel 2008, quando ci si era resi conto che, tutti assieme, raggiungevano il potere d’acquisto per una sveltina con Lubja, una prostituta sessantenne della periferia di Reykjavik .
In Louisiana esplode un pozzo petrolifero sottomarino della BP, inizia a fuoriuscire marea nera. La BP assicura che non è niente, un paio di giorni e mettono tutto a posto, gli allarmismi degli ecologisti sono isteria ingiustificata.

MAGGIO
Si dimette il ministro Scaiola, vittima a suo dire di una macchinazione, gli avevano pagato a sua insaputa parte dell’appartamento con vista Colosseo. [Questa è la notizia nuda e cruda, e io francamente non ho una battuta che ne superi l’effetto comico. Come potrei?]
Storace viene condannato per il Lazio-gate, una storia di spionaggio e furto di dati. Ingenuamente, io che conservo memoria di quanti per lui avessero messo la mano sul fuoco, da Fini a La Russa, mi aspetto diffuse mutilazioni; niente, anche stavolta ho fatto male a fidarmi.
Appalti per l’eolico in Sardegna, si scoprono giri di corruzione da basso impero persiano; indagato fra gli altri Denis Verdini, dove l’ho già sentito questo nome? (Ma questo dove lo trova il tempo?)

GIUGNO
L’inter vince, meritatamente, la Coppa Italia e, rubando, un altro paio di tornei che adesso mi sfuggono. Mezzora dopo la conquista di uno di questi Mourinho si complimenta con l’Inter per la vittoria dal cellulare di Florentino Perez, presidente del Real Madrid. Moratti rimane perplesso, ma abbozza.
Inchiesta per i Grandi Eventi, indagato fra gli altri l’ex-ministro Lonardi, che aveva da poco proposto la reintroduzione dell’autorizzazione a procedere per i Parlamentari. Quando si dice le coincidenze, eh?
Obama rimuove il generale responsabile della compagna di Afghanistan, reo di avere criticato il ritiro. Lui avrebbe mosso almeno tre carri dalla Kamchatka e riaperto la partita, aveva dichiarato. Intanto i contatti diplomatici segreti coi talebani continuano e prende forma qualcosa che è più che una speranza.
Scoppia il caso delle mozzarelle blu. Fossero rimaste bianche, nessuno si sarebbe accorto che le producevano in Germania, che di mozzarelle ha una lunga e solida tradizione artigianale: mozzarella, patate e bratwurst, il tipico piatto bavarese.
Condannato Dell’Utri a 7 anni per concorso esterno in associazione mafiosa. “Smontato un teorema” esultano i papaveri del PdL; se per caso lo assolvevano lo proponevano per il Nobel?

LUGLIO
In Sudafrica, fra balli e canti della popolazione locale, si tengono i mondiali di calcio. L’Italia capita in un girone di ferro, con la Slovacchia, il Paraguay e addirittura la Nuova Zelanda, che in panchina ha anche una pecora e un kiwi (l’uccello, non il frutto); fatalmente, siamo eliminati. Qualche responsabilità ce l’ha Lippi che, non volendo cambiare una squadra vincente, ha riproposto la formazione del 1982; Cabrini era un tantino fuori forma. Il titolo va alla Spagna, all’Italia neanche la soddisfazione del titolo Figurademmerda, che si aggiudica la Francia, ma di un soffio.
Moratti riceve una cartolina da Mourinho da Madrid e inizia sospettare qualcosa; ma, prima di intercettare e pedinare, lui un’opinione non se la fa mai, quindi attende gli sviluppi, sempre più perplesso.
Slitta ancora la chiusura del pozzo petrolifero sottomarino della BP. Nastro adesivo, pongo e silicone da doccia non reggono, pare. Obama è talmente stizzito che gli cala la media a canestro.
Aldo Brancher -accusato di ricettazione e appropriazione indebita per la scalata ad Antonveneta di Giampiero Fiorani- sta quasi per essere nominato ministro, il che gli conferirebbe l’immunità. Il Presidente della Repubblica emana un comunicato il cui senso può essere riassunto in “col cazzo!”.  Brancher sostiene che lui all’immunità neanche ci pensava, tanto è innocente e –pronti- patteggia una condanna a 2 anni. Oh, dico, se per caso iniziate a sospettare che nel PdL ci siano del corrotti, ditemelo, eh, che indago.
Fini crea Futuro e Libertà, movimento democratico di una destra moderna, il cui principale scopo è togliersi dai coglioni Gasparri e La Russa, e dici niente.

AGOSTO
33 minatori cileni rimangono intrappolati nelle viscere della terra; le dimensioni della tragedia appaiono nella loro drammaticità quando si apprende che nessuno si era portato neppure una Nintendo DS.
Sakineh, una donna iraniana, viene condannata a morte per lapidazione, ma a seguito della pressione dell’opinione pubblica internazionale, la condanna viene mutata in impiccagione. Stranamente, Sakineh non pare del tutto sollevata. Certa gente non è mai contenta.
Gli ultimi soldati USA lasciano l’Iraq, tranne alcuni originari di Miami, che si sentono più al sicuro lì che a casa.
Scompare Sara Scazzi, e con lei il buon gusto e il pudore dei media che si occupano di cronaca (vero Bruno-plastico-Vespa)? Mesi dopo, sarà ritrovato solo il cadavere di Sara, della professionalità dei media manco quello.
A proposito di buon giornalismo, sulle pagine di Libero e Il Giornale scoppia il caso dell’appartamento di Montecarlo Fini, che avrebbe fatto transitare una cucina Scavolini da conti svizzeri, intestandola a scatole cinesi residenti in paradisi fiscali e così avrebbe minato la credibilità dell’Euro, negato le radici cristiane dell’Europa e destabilizzato il nucleo dell’atomo. O perlomeno questa è la tesi di Feltri.
Muore Cossiga, il Padreterno vuole evidentemente vedere se almeno lui, di persona, gli cava qualcosa su Ustica. Seh, auguri.

SETTEMBRE
Viene finalmente chiuso il pozzo sottomarino BP. La chiazza di petrolio forma ormai un cinquantaduesimo stato. Obama, furente con la BP, dichiara il boicottaggio del porridge e colbacchi della Guardia Reale.
La Francia vieta il burqa per tutelare la dignità delle donne, ma non ha il coraggio di mettere al bando anche Dolce e Gabbana; peccato, già che c’erano…
I rifiuti straripano a Napoli, il tappeto che Berlusconi aveva fatto tessere, che copriva la superficie di sette-otto comuni campani, e sotto il quale era stata spazzata la munnezza finora, non tiene più. Incendiate alcune discariche a Terzigno e dintorni, si crea un effetto simile a quello del vulcano islandese, ma con la puzza in più.
In finanza è crisi per Grecia, Portogallo, Spagna, Irlanda. La Merkl è disposta ad aiutare i fratelli europei, ma soltanto a patto che gli inviino gli ebrei residenti in quei paesi per ferrovia, si parla di una rimpatriata; ma i suddetti Paesi hanno già venduto alla Cina i vagoni, le stazioni ferroviarie e le macchinette distributrici alle stazioni, quindi non se ne fa niente.
Riprende il campionato di calcio, Moratti non vedendo Mourinho ripresentarsi agli allenamenti lo chiama al cellulare; lì scopre di avere sempre avuto il numero di un transessuale svizzero. Inizia a insospettirsi, forte, stavolta. Accetta di far allenare un grassone spagolo, tanto per coprire il buco.
Alluvioni in Pakistan, il mondo se ne fotte. Ce l’avete , il petrolio? Gas? Uranio? Cosa avete, allora? Talebani? Hm. Lasciate il numero, richiamiamo noi, semmai.

OTTOBRE
Liberati i 32 minatori cileni, stanno tutto sommato piuttosto bene, anche se per mesi per distrarsi hanno avuto solo Felipe, che sa solo barzellette su Pablito (il Pierino del Cile). Per staccare Felipe dalla parete ci vorranno altri due mesi.
Nobel alla pace al dissidente cinese Xiaobo, a Stoccolma verrà premiata una sedia vuota. “Tanto, dopo il trattamento che gli abbiamo riservato il carcere, dubitiamo che potrà sedersi prima del 2028” dichiarano le autorità cinesi.
Epidemia di colera ad Haiti; questa volta i dubbi teologici vengono risolti con una conversione di massa della popolazione, in modo che le bestemmie che tirano siano più sentite, tipo il cattolico Veneto.
Scoppia il caso-Ruby: una minorenne troieggiante frequenta serate a casa del Presidente del Consiglio; quando questa si trova nei guai con la polizia, lui chiama la questura e fa loro credere che si tratti della figlia di Mubarak, poi manda un alto esponente del suo partito (ex-soubrette, ex-igienista dentale di Berlusconi stesso), che la preleva e poi praticamente l’abbandona. Adesso scusate ma mi rileggo più volte quello che ho scritto, perché non mi capacito che sia vero.
I contatti USA coi talebani sono ormai quasi ufficiali, si abbandona la prudenza e  un rappresentante dei taliban viene scortato in aereo per trattare col legittimo governo dell’Afghanistan, Joe Bill Kharzai.

NOVEMBRE
Elezioni di mid-term in USA, Obama riceve un tale schiaffo dalle urne che per farsi consolare telefona a Bersani, che c’è abituato.
San-Su-Ki, rilasciata dopo 7 anni di arresti domiciliari, indice una conferenza stampa e mostra una casa con pavimenti e mobili lucidissimi
Assolti tutti gli imputati di Piazza della Loggia a Brescia, si indaga ora sull’autocombustione.
Nadia Macrì, escort (traduzione: bagascia col senso degli affari) dichiara di avere passato alcune notti con Berlusconi per 5.000 Euro a botta. Aldilà di tutto, ma, voi che lo votate, come fate a pensare che capisca le vostre esigenze uno che per una trombata brucia sei mesi del vostro mutuo?
Si concludono i colloqui col rappresentante dei talebani dell’Intelligence USA: il tizio fugge con borse piene di denaro e rivela di esser un ciabattino di Peshawar. Non so a voi, a me ricorda Totò e Peppino che vendono ad un turista americano la fontana di Trevi.
A proposito di pirla, Moratti conta i punti in classifica e inizia a rendersi conto che la squadra non è più allenata da Mourinho.
Muore suicida Mario Monicelli, autore fra l’altro di Amici Miei e qui non ho nulla da aggiugere a quello che ha scritto Iorek
:
“Io credo che più che ad un suicidio, Monicelli abbia pensato alla faccia dell'infermiera davanti al letto vuoto. ” 

DICEMBRE
La Corea del Nord spara su quella del Sud. La Lega, lì, è avanti col programma.
Parentopoli a Roma: Alemanno ha assunto tante persone imparentate fra loro che i pranzi di famiglia ormai li tengono nelle rimesse dei tram.
Nasce il governo Scilipoti-Berlusconi. La compravendita di voti è così palese che nasce un listino di borsa FTSE-Montecitorio, dove finalmente le quotazioni dei parlamentari si possono seguire attraverso prezzi chiari e accessibili ai compratori. Soprattutto si evitano brutte figure come quella dell’onorevole Santanché, che, nella foga di comprare parlamentari dell’opposizione, spinge Berlusconi a pagarne uno che aveva già acquistatp a suo tempo: sé stessa. Capita, di confondersi.
Wikileaks rivela al mondo la verità: gli ambasciatori USA sono delle gran portinaie e morire che si facciano i cazzi loro.
Benitez defenestrato da Moratti, ormai convinto che Mourinho non tornerà; conosco fidanzatini quindicenni che hanno rapporti più seri e duraturi di quelli di Moratti coi suoi allenatori.
Tanzi condannato a 18 anni per il crac Parmalat. E questa, vaffanculo, è l’unica buona notizia di quest’anno.

Aaah, ma il 2011 sarà sicuramente tutt’altra cosa.
Credo.

Scusate se giro col piattino…

…ma è per una buona causa. Racconti del buonumore

Infatti segnalo che da ieri, nelle edicole del comasco (e, volendo, online), potete acquistare"I racconti del buonumore"; 5,80 € per sostenere il progetto "Battello dei nasi colorati" che si occupa di clownerie, portando il sorriso in reparti ospedalieri pediatrici, case di cutra per anziani, centri per disabili, carceri, (e Presidenza del Consiglio dei Ministri se dovranno rinunciare alla bagasce, ma questo è solo un progetto per il futuro).
Sono persone che ammiro molto, perché hanno il coraggio di mettere un naso rosso, che è l'unica cosa che distingue me e loro.

Ho contribuito con un racconto (tratto dalla rubrica "figure storiche" del mio blog), "Trainspotting in Como".
Per voi lettori di questo blog sarà probabilmente una riedizione, ma ci sono altri racconti divertenti e lo scopo è condivisibile.

Grazie.

Info:   http://www.newpressedizioni.com/recensioni/222/Un-racconto-per-star-bene